Domenica 19 Maggio 2019

Cultura 10:35

Grande successo per il Galà della lirica, l'opera italiana patrimonio dell'umanità

Un evento unico nel suo genere, una sala gremita di persone a sostegno dell'opera lirica e dei cantori italiani


conc.jpg

AVEZZANO. Due giorni fa, al Teatro alla Scala di Milano,  andava in scena la Prima della Traviata di Giuseppe Verdi. Alla presenza del capo dello Stato, del presidente del Senato e della commissione europea, la rappresentazione dell’opera principe,  proprio nel bicentenario della nascita del compositore. L’opera lirica come patrimonio culturale, un inno all’Italia.

 

Con il medesimo spirito e con una forte componente di italianità è stato realizzato il Galà della Lirica, andato in scena ieri alle ore 17:30, presso il Teatro dei Marsi.

 

Un evento unico nel suo genere, una serata interamente dedicata all’opera lirica italiana, a sostegno della sua candidatura a patrimonio immateriale dell’umanità Unesco.

 

Realizzato grazie al patrocinio dei comuni di Avezzano, Luco dei Marsi e Tagliacozzo, e alla collaborazione tra l’assessore alla cultura di Avezzano, Gabriele De Angelis, e l’associazione culturale AdsumusQuoque, il concerto ha visto la partecipazione speciale della Banda della Polizia di Stato, diretta dal M° Maurizio Billi, del coro polifonico “Claudio Monteverdi” diretto dal M° Sandro Rancitelli e di insigni cantanti professionisti.

 

La serata, condotta da Michele Mirabella, è iniziata con le parole del presidente dell’associazione culturale, Antonio Di Legge, che ha ringraziato  tutte le Forze dell’Ordine e l’assessorato alla cultura che ha reso possibile il concerto.

 

A seguire, la presentazione di Mirabella, che si è detto particolarmente orgoglioso di essere presente ad un evento di tale spessore culturale. “Questa è un’occasione impareggiabile”  ha dichiarato il presentatore  “ho accettato di essere qui perché credo nella lirica italiana e nella cultura.  Un popolo che ha Verdi, Donizetti e Puccini e poi chiude i teatri – ha continuato – non è un popolo che vuole bene al proprio patrimonio artistico. La lirica italiana è la risorsa che tutto il mondo ci invidia”.

 

Il sindaco Giovanni Di Pangrazio, intervenuto sul palco, ha tenuto a ricordare l’impegno dell’amministrazione comunale nel difendere e diffondere la cultura in ogni iniziativa.

 

La proiezione di due filmati, con interviste a Dario Fo e  Zubin Mehta, ha dato inizio al Galà, nel quale si sono susseguiti brani delle più celebri opere liriche italiane, interpretate dai soprani Micaela Carosi e la marsicana Giulia De Blasis, dal mezzosoprano Antonella Colaianni, e dai tenori Ugo Tarquini e Marco Frusoni.

 

Al termine del concerto, la sala gremita di persone è stata invitata ad alzarsi in piedi e ad accompagnare con il canto le note dell’Inno d’Italia eseguite dalla banda della Polizia, dal coro e dai cantanti.

 

Cl.C.


Ti potrebbero interessare anche Cultura | Eventi & spettacoli | Notizie
avezzano | lirica | teatro