Cultura 07:15

Grande successo per la stagione del Teatro dei Colori al Teatro dei Marsi

La conclusione, lo scorso 9 febbraio, con la prima nazionale del Pifferaio Magico


teatro dei colori.JPG

AVEZZANO. Si è conclusa domenica 9 febbraio 2014, con la prima nazionale del Pifferaio magico, la programmazione al Teatro dei Marsi per la stagione 2013 - 2014 del Teatro dei Colori.

 

Tre i progetti presentati. Il primo è stato “Drammaturgie Visioni”, una rassegna di teatro, arte e ricerca che ha visto protagonisti in scena, nelle regia, nelle coreografie, nelle composizioni di musica contemporanea, tutte produzioni presentate e prodotte per il festival: Lino Guanciale, Simona Generali, Muta Imago, Gruppo e-Motion, Stochastic Resonance, Francesco Ciavaglioli, Valentina Ciaccia.

 

Ci sono state poi “Le domeniche da favola”, spettacoli per i bambini e le famiglie con la partecipazione delle Compagnie: Teatro Potlach, Teatro del Canguro, Teatro Verde, La Fontemaggiore - Albero Blu, Teatro dei Colori, Paolo Totti e l’Ensemble Toscanini.

 

Infine “Passi sulla scena”, percorsi di fruizione ed educazione al teatro per gli alunni delle scuole con le Compagnie: Teatro del Buratto, Teatro dei Colori, Accademia di arte drammatica - Teatro Zeta di L’Aquila. Direzione artistica di Gabriele Ciaccia, coordinamento organizzativo di Gabriella Montuori.

 

Il Teatro dei Colori, riconosciuto dal Mibac da ventisette anni, ha ringraziato per l’entusiasmante partecipazione i 3 mila e 500 spettatori di ogni fascia d’età ed estrazione, a dimostrazione di quel percorso di sensibilizzazione e di scoperta di nuovi pubblici che da anni la compagnia persegue e creando nel Teatro dei Marsi momenti di scoperta di nuove culture della scena.

 

gabriele.jpg«Tutte le attività proposte sono state realizzate» commentano dal Teatro dei Colori «grazie alla sensibilità dell’assessorato alla cultura del Comune di Avezzano e dell’ufficio teatro. Il modello di programmazione del Teatro dei Marsi si sta rivelando, così, unico per le idee e per le varie proposte nella musica e nel teatro, grazie ad un gruppo di direzione artistica che va man mano approfondendo la qualità dell’intervento». «L’esperienza degli operatori e delle strutture professionali culturali della città di Avezzano» concludono «è una garanzia di passione e di capacità che va sostenuta e non dispersa. Per questo è necessario un vero ed importante pensiero politico in grado di sostenere le attività nel nostro Teatro, facendo tesoro dei progressi, delle esperienze, delle storie artistiche».