Domenica 21 Aprile 2019

Cronaca 06:30

Chiusa Resta, da “focaraccio” a discarica abusiva

È la denuncia di Augusto Di Bastiano, responsabile del Centro Giuridico del Cittadino


focaraccio 1.JPG

AVEZZANO. «Anche quest’anno, ma con largo anticipo, si sta accumulando materiale da bruciare per la ricorrenza del 26 aprile. A Chiusa Resta già sono stati accatastati vecchi mobili in formica, tapparelle, cartoni, plastica, tutto materiale che andrebbe in discarica e non bruciato». È la denuncia di Augusto Di Bastiano, dal Centro Giuridico del Cittadino.

 

«A Chiusa Resta abbiamo oggi una discarica a cielo aperto» dichiara Di Bastiano che prosegue: «Voglio ricordare la protesta dei cittadini che abitano il popoloso quartiere che, con la nota numero 0018553/13 del 13 maggio 2013, supportata da 300 firme e corredata da foto, denunciavano come in occasione della festa del 26 aprile 2013, Chiusa Resta fu usata come discarica, vi si bruciò di tutto e il fuoco, con le esalazioni male odoranti, andò avanti per giorni».

 

«Chiediamo all’amministrazione» conclude Di Bastiano «di rimuovere tutto ciò che è stato accumulato da sconsiderati poiché si tratta di una vera discarica abusiva. Voglio anche aggiungere che è auspicabile che l’amministrazione normi, in maniera chiara ed inequivocabile, i tempi di preparazione dei fuochi e che, esistendo un regolamento comunale, venga fatto rispettare».