Domenica 21 Aprile 2019

Cronaca 06:00

Soppressa la linea 5 bis della Scav

Protestano i genitori che devono mandare i figli a scuola e i cittadini che si servono di quella linea per andare a lavorare


scav.jpg

«Non si capisce perché è stata soppressa proprio una linea indispensabile al trasporto degli studenti». La protesta dei genitori degli studenti avezzanesi per il taglio della corsa 5 bis della Scav è arrivata puntuale con la riapertura delle scuole. Il tragitto coperto da quella corsa va dall’Ospedale nella zona nord della città fino a via Napoli, un servizio prezioso per le tante famiglie che ogni mattina mandano i figli a scuola servendosi di un collegamento rapido e sicuro capace di raggiungere sia le scuole del centro che quelle periferiche.

 

Visto che l’orario del passaggio dei pulmini permette di arrivare a scuola in tempo utile per la campanella di inizio lezioni e la stessa linea serve anche diverse persone che a quell’ora devono andare a lavoro, la soppressione rappresenta un disagio notevole e sono state molte le chiamate alla Scav e al Comune da parte di cittadini, genitori e studenti.

 

Queste persone rivolgono un appello soprattutto al Comune e in particolare all’assessore ai trasporti Roberto Verdecchia affinché intervenga con tempestività e contribuisca a ripristinare la linea: «Vorremmo sapere sulla base di quale criterio è stata adottata questa decisione senza tener conto delle decine di famiglie oggi in difficoltà a causa di un disservizio di non poco conto».

 

La linea 5 bis in genere viene sospesa nel periodo estivo per poi riprendere regolarmente a settembre con la riapertura della scuola proprio per sopperire ad una necessità di trasporto urbano per gli studenti di ogni ordine e grado. Quest’anno, invece, i ragazzi hanno atteso invano il passaggio dell’autobus non essendo informati della soppressione.

 

Direttore


Ti potrebbero interessare anche Cronaca | Notizie
scav | trasporto studenti | roberto verdecchia