Mercoledì 30 Novembre 2022

Cronaca 15:37

Cialente stai sereno! Anzi: giù le mani dai Tribunali di Avezzano e Sulmona

Il sindaco Gianni Di Pangrazio e i presidenti dei Consigli Comunali di Avezzano e Sulmona, Di Berardino e Fasciani, respingono l’idea «stravagante» del sindaco dell’Aquila che vorrebbe i due Tribunali in un’ala di quello del capoluogo


tribunale az.jpg

Il primo cittadino dell’Aquila, Massimo Cialente, avrebbe chiesto fondi per realizzare due nuovi stabili adiacenti al Tribunale del capoluogo dove ospitare i Tribunali di Avezzano e Sulmona. Dura la posizione del sindaco di Avezzano, Gianni Di Pangrazio: «Non deve preoccuparsi il sindaco Cialente, perché i tribunali di Avezzano e Sulmona non saranno chiusi e trasferiti nel 2018. La produttività del Tribunale di Avezzano è superiore a quella dell'Aquila risultando il terzo tribunale d'Abruzzo. Quando le leggi sono sbagliate vanno corrette.
La città dell'Aquila, inoltre, non sarebbe in grado di accogliere migliaia di procedimenti provenienti da Avezzano e Sulmona; non disponendo di una adeguata rete viaria, rischierebbe di rimanere ulteriormente congestionata, con un aumento dell'inquinamento. I fondi richiesti da Cialente per questo intervento inutile, potrebbero essere investiti su opere nella Marsica o nella Valle Peligna  per potenziare la sicurezza delle scuole e per implementare le infrastrutture, come fogne e acquedotti. Da parte nostra appoggiamo la battaglia degli avvocati marsicani e interverremo sempre al loro fianco insieme a tutti i sindaci della Marsica, come già avvenuto in passato».

 

A rincarare la dose ci hanno pensato i due Presidenti dei Consigli Comunali di Avezzano e Sulmona, Domenico Di Berardino e Franco Fasciani: «L’idea del sindaco dell’Aquila che sogna di realizzare  “rapidamente” una nuova ala degli Uffici Giudiziari dell'Aquila, ove ospitare i Tribunali di Sulmona e di Avezzano, è stravagante e va respinta con fermezza, perché rappresenta un tentativo sciocco di fiaccare le ragioni di una lotta dura  a sostegno di una battaglia portata avanti per mesi, anzi per anni, dagli avvocati, dai magistrati, dagli operatori della giustizia,  da amministratori e da semplici cittadini, a difesa dei diritti dei due territori per avere la presenza di strutture giudiziarie attive e funzionanti e la cui sorte è ancora tutta da decidere».

 

I due Presidenti si dicono sconcertati dalle notizie lette sugli organi di informazione: «Vogliamo augurarci che la posizione di Cialente, dal quale ci saremmo comunque aspettati  ben altre testimonianze di solidarietà su questo problema, sia una posizione personale e isolata anche perché  fino al 2018 non esiste nessuna possibilità di modificare la geografia giudiziaria abruzzese e di trasferire all’Aquila gli Uffici di Sulmona e di Avezzano, perfettamente funzionanti, anche perché la partita resta ancora tutta da giocare, tenendo conto che la Cassazione deve ancora pronunciarsi sull’ammissibilità del referendum abrogativo promosso dalla Regione Abruzzo e dalle altre regioni  e che il Tar dell’Aquila deve ancora pronunciarsi in relazione al apposito ricorso avverso la chiusura del tribunale, presentato dall’Ordine degli avvocati di Avezzano».

 

La questione o l’equivoco dovrà trovare soluzione con il concorso degli attori dei diversi territori tenendo ben presente che il tempo delle divisioni è irrimediabilmente scaduto. Per motivi ora coincidenti, ora diversi, l’aquilano, la Marsica e la Valle Peligna stanno soffrendo una crisi molto dura: tornare a dividersi e gelare i rapporti sotto l’ombra dei campanili non gioverebbe a nessuno.

 

Direttore