Mercoledì 18 Settembre 2019

Attualità 06:00

Legnini: «Sul Tribunale di Avezzano non ho cambiato opinione»

Il vice presidente del Csm rinnova anche l’impegno nel Comitato per il Centenario del Terremoto della Marsica con una manifestazione di promozione delle celebrazioni a Roma


legnini.jpg

Giovanni Legnini ad Avezzano per incontrare il sindaco Giovanni Di Pangrazio e ribadire la vicinanza alla Marsica. Impegno rinnovato in favore del Tribunale e nel Comitato per i 100 anni dal terremoto del 1915.

 

Il vice presidente del Consiglio Superiore della Magistratura accolto nel palazzo del Municipio dal primo cittadino e dal presidente del Tribunale di Avezzano, Eugenio Forgillo, dal procuratore Maurizio Cerrato e dal presidente dell’Ordine degli avvocati, Sandro Ranaldi.

 

Sulla questione del Tribunale, Legnini si è mostrato ancora una volta sensibile alle aspirazioni della Marsica: «Non ho mutato la mia opinione con il mutare delle funzioni di governo. Nel rispetto della terzietà che il ruolo impone, mi adopererò per risolvere carenze e disfunzioni in tutti gli uffici giudiziari al fine di assicurarne un'efficiente funzionamento anche attraverso la ricollocazione del personale in esubero delle province e delle comunità montane.
Il monitoraggio nazionale sugli effetti della riforma della giustizia potrebbe sortire ripercussioni positive sulla nuova mappatura della geografia giudiziaria, che attualmente prevede un sacrificio imponente alla Regione Abruzzo passando da 8 a 4 tribunali, con evidenti scoperture nel territorio».

 

Legnini ha mantenuto anche l’impegno nel comitato organizzativo del Centenario del Terremoto della Marsica mettendosi a disposizione per organizzare una manifestazione a Roma per il lancio delle celebrazioni. 

 

«La stima e l'amicizia personali e della città nei confronti del vice presidente Legnini restano immutate – le parole di Di Pangrazio – ci mancherà come punto di riferimento politico perché Avezzano resta orfana di una importante figura politica che ha sempre affiancato la città e la Marsica intera nelle diverse battaglie».

 

Direttore