Giovedì 25 Aprile 2019

Cronaca 06:40

Museo del Cibo, il consiglio comunale punta il dito contro il Patto Territoriale

I consiglieri approvano un documento che ripercorre le tappe dell’intera vicenda


Comune Avezzano_Salucci.jpg

AVEZZANO. Approvato all’unanimità, dal Consiglio comunale di Avezzano, un articolato documento, riguardante il Museo del Cibo, che ripercorre la vicenda e punta il dito contro i vertici del Patto Territoriale Marsica che, si legge nel testo «hanno assunto decisioni assolutamente rilevanti, tali da mutare radicalmente l’indirizzo politico dell’accordo di programma e del collegato piano di azione, pure con rilevanti impatti sul profilo gestionale, essendo certi i costi delle modifiche apportate ed incerti i ricavi». «Le gravissime decisioni del consiglio direttivo del Patto» è scritto ancora nel documento «sono state assunte in totale solitudine, seguendo logiche particolaristiche e non oggettive, senza alcun doveroso coinvolgimento né del Comune capofila, Avezzano, né dei sindaci soci, che si trovano ora nell’incresciosa situazione di aver approvato (in data 18.12) un avanzato Progetto Cibus/Cibio, situato presso il Crab e collegato all’incubatore d’impresa, che poco ha da spartire con l’attuale progetto che il Patto si appresta ad inviare al Ministero per acquisire l’erogazione finanziaria, una sorta di struttura fieristica e di ristorazione insediata nel nucleo industriale di Carsoli».

 

«Sia ben chiaro» commenta il vicesindaco Ferdinando Boccia «che non abbiamo nulla contro il Comune di Carsoli, ma il Consiglio comunale di Avezzano non poteva non rilevare i maldestri comportamenti del consiglio direttivo del Patto territoriale che, nei fatti, hanno portato allo snaturamento del Museo del cibo il quale, nelle originarie linee guida approvate dai soci in data 18.12.2013, avrebbe assunto, grazie all’apporto del know-how del Crab, nonché delle Università di Teramo e L’Aquila, un profilo di incubatore di imprese al servizio della filiera agroalimentare».

 

«I sindaci della Marsica, in sede di adunanza del 26.11.2014» si legge poi «hanno condiviso il disappunto, l’amarezza e lo sconcerto derivante dai comportamenti temerari del consiglio direttivo del Patto, non riconoscendosi più, per la maggior parte di loro, in un accordo di programma così maldestramente modificato all’insaputa di tutti o quasi».

 

«Come può un ente strumentale qual è il Patto territoriale» ha osservato a tale proposito Boccia nel suo intervento in Consiglio «decidere di cambiare radicalmente un progetto approvato dai soci, senza coinvolgere né il Comune capofila, Avezzano, né molti altri comuni della Marsica. È una cosa incredibile, assurda ed al limite della pagliacciata».

 

Dal momento che il progetto presentato dal Patto Territoriale è notevolmente difforme sia dall’indirizzo politico deliberato il 18 dicembre dello scorso anno, sia dall’elaborato prodotto in sede di concertazione, il Consiglio comunale di Avezzano, manifestata la sentita esigenza di mettere in campo ogni possibile azione per non disperdere il finanziamento già acquisito, ha dato un ampio mandato alla Giunta comunale affinché si attivi «d’intesa con la Regione a mettere in campo ogni possibile iniziativa finalizzata a realizzare in tempi brevissimi una rimodulazione dell’attuale progetto, con il sostegno di una commissione tecnica che possa essere d’ausilio nel riportare il Progetto Cibus/Cibio allo spirito delle origini, nel rispetto dell’indirizzo dei Comuni soci e degli indirizzi dettati dalla Delibera di Consiglio comunale del Comune di Avezzano (30.7.2014), del ruolo del Crab, delle Università coinvolte nonché delle linee programmatiche regionali sulla filiera agroalimentare». «In definitiva» ha infine dichiarato il presidente del consiglio comunale, Domenico Di Berardino «i consiglieri comunali di Avezzano chiedono alla Regione Abruzzo di intervenire e di riportare alle origine le decisioni prese dall’assemblea del Patto il 18 dicembre 2013».

 

Redazione Avezzano Informa