Domenica 19 Maggio 2019

Attualità 07:00

Canistro commemora le vittime del terremoto del 1915

Un lungo pomeriggio per ricordare la tragedia che cento anni fa sconvolse la Marsica


canistro apertura.jpg

CANISTRO. Grande partecipazione ieri pomeriggio, nella chiesa di San Giovanni Battista, a Canistro superiore, per la commemorazione del centenario del terremoto del 1915.

 

La manifestazione, organizzata dal Comune del centro rovetano, è stata aperta dal saluto del sindaco Antonio Di Paolo, a cui è seguito l’intervento di Sergio Natalia, direttore dell’Istituzione “Celebrazioni centenario terremoto della Marsica”, che ha raccontato la storia di Canistro nei giorni della terribile tragedia.

Subito dopo ha preso la parola Maria Caterina De Blasis, uno dei coordinatori del Comitato Valle Roveto per il centenario del terremoto, la quale ha invece illustrato il progetto del comitato rovetano e tutte le iniziative che verranno realizzate nel corso del 2015, a ricordo del terribile sisma che, cento anni fa, sconvolse la Marsica e non solo.

 

Dopo la presentazione di un video storico realizzato dall’Associazione CameraScura, è stata la volta dell’architetto Carlo Scoccia che ha invece mostrato un’interessante ricostruzione interattiva in 3D del borgo di Canistro superiore pre-sisma.

 

Hoanno chiuso l’incontro l’architetto Raffaello Di Domenico e l’archeologo Carmine Malandra, i quali hanno illustrato lo stato dei lavori dello scavo archeologico dell’area di San Vito, chiesa risalente a un’epoca compresa tra l’anno Mille e il Millecento.

 

Al termine della cerimonia, infine, la messa in ricordo delle vittime del terremoto, celebrata dal vicario di zona Padre Alexander Moreno Infante.

 

Redazione Avezzano Informa