Venerdì 24 Maggio 2019

Attualità 06:00

Al Castello Orsini un convegno sulla legge 67/2014

La conferenza è stata organizzata dalla facoltà di Giurisprudenza e il Tribunale di Avezzano


avezzano 1.jpg

AVEZZANO. La “metamorfosi” del sistema penale a seguito dell’approvazione della legge 67/2014, al centro del convegno che si è svolto al Castello Orsini, organizzato dalla sede di Avezzano della facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Teramo e dal Tribunale di Avezzano, che ha visto la partecipazione del professor Luciano Eusebi, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, e del professor Giuseppe Montanara, dell’Università di Teramo.

 

«Avezzano si riconferma un centro di eccellenza della cultura giuridica» ha affermato il sindaco Giovanni Di Pangrazio, nel suo discorso di apertura dei lavori davanti una sala gremita «grazie al circuito virtuoso che si è creato tra il Comune, l’Università di Teramo, il Tribunale e la Procura e che ha permesso di affrontare le tante battaglie per la salvezza del Tribunale di Avezzano».

Il primo cittadino, così come gli altri relatori nei successivi interventi, ha rimandato la platea agli avvenimenti di cronaca nera accaduti nel Tribunale di Milano, ricordando che «tutte le persone di Stato, i sindaci per primi, sono in prima linea ogni giorno nella difesa delle Istituzioni, rischiando in prima persona».7

 

Sono in tutto 112 i reati depenalizzati dalla legge 67/2014, che cioè non faranno più andare in carcere chi li commette. I lavori sono stati aperti dal presidente del Tribunale di Avezzano, Eugenio Forgillo, che ha sottolineato le criticità della legge e dal presidente dell’Ordine degli Avvocati, Sandro Ranaldi, che si è complimentato con il sindaco per la «prossima individuazione di una nuova sede centrale della facoltà di Giurisprudenza di Avezzano».

 

Redazione Avezzano Informa