Mercoledì 20 Marzo 2019

Politica 06:30

“Non ci sarà un nuovo ospedale ad Avezzano”, la denuncia di Iampieri

Il consigliere regionale: “Mi aspetto che i miei colleghi consiglieri della Marsica non permettano questo incomprensibile dietrofront”


Emilio Iampieri.jpg

AVEZZANO. «Non ci sarà alcun nuovo Ospedale ad Avezzano, D’Alfonso con un colpo solo ha cancellato la programmazione regionale che prevedeva la realizzazione dei cinque nuovi ospedali, tra cui quello di Avezzano». Così Emilio Iampieri, consigliere regionale di Forza Italia, commenta l’adozione, da parte della Giunta Regionale d’Abruzzo, della delibera del 23 maggio 2015 inerente alla “Attivazione procedura per la ricostruzione potenziata del plesso ospedaliero clinicizzato di Chieti situato al foglio catastale 26, particella 17, in località Colle Dell’Ara”.

 

«Una delibera che individua la copertura finanziaria per il faraonico investimento necessario a tale imponente struttura, 200 posti letto più l’adeguamento sismico di parte dell’esistente, andando sostanzialmente ad azzerare il fondo destinato alla realizzazione dei cinque nuovi ospedali previsti in Abruzzo ad Avezzano, Vasto, Sulmona, Lanciano e Giulianova» spiega poi il consigliere. «Il tutto» sottolinea «malgrado la situazione di estremo disagio in cui vertono le attuali strutture ospedaliere, obsolete e sottodimensionate rispetto ai relativi bacini d’utenza, e ormai prossime al collasso».

 

«Rendo noto sin d’ora» conclude Iampieri «che Forza Italia non rimarrà a guardare e che già nel prossimo Consiglio regionale presenteremo una interrogazione urgente al presidente della Regione e all’assessore regionale alla Sanità per sapere quali iniziative intendano assumere in materia di edilizia sanitaria e soprattutto per sapere se, in che modo e con quali tempi, pensano di mantenere l’impegno più volte ribadito di dare seguito alla realizzazione dei richiamati nuovi Ospedali. Mi aspetto che i miei colleghi consiglieri della Marsica non permettano questo incomprensibile dietrofront che farebbe segnare un grave arretramento nel diritto alla salute dei marsicani».

 

Redazione Avezzano Informa