Mercoledì 30 Novembre 2022

Attualità 17:23

Bando piscina Avezzano, imprenditori del mondo dello sport uniti per avere risposte

14708095_10207610659400831_102879330700683264_n.jpg

Non la mandano di certo a dire i titolari di Metrò, Pinguino e Pineta, rispettivamente Alessandro Lucarelli, Nazzareno Di Matteo e Lorenzo De Cesare riguardo la spinosa questione della gestione della piscina comunale di Avezzano. Stamane, durante il dibattito avvenuto presso la Pinguino Village alla presenza di alcune associazioni sportive e della stampa locale, i tre imprenditori hanno spiegato la loro posizione in merito all’assegnazione dei bandi per le strutture sportive ad Avezzano.

 

Il patron della Pinguino Nazzareno ha introdotto l’incontro rivolgendo alcune domande alla giunta Di Pangrazio: “Nel 2013 è scaduta la concessione della piscina comunale di Avezzano alla Federnuoto (FIN), perché il comune non l’ha rinnovata nel 2014? Ci troviamo oggi, a distanza di tre anni, in una situazione in cui il regna il caos. E ancora, perché un territorio che aveva avuto la capacità di creare un centro federale non ha avuto poi la capacità di gestirlo in modo efficace? E’ chiaro che il comune – continua Nazzareno – adotta due pesi e due misure: esempio lampante è il caso del mattatoio comunale, chiuso temporaneamente in vista del cambio di gestione. In questo caso l’amministrazione ha comunicato al precedente gestore lo scadere della concessione, così da permettere di riaffidarla al nuovo assegnatario attraverso un regolare bando. Perché nel caso della piscina non è stato seguito lo stesso iter? Bisogna aprire le porte alle società sportive, far sì che l’impianto possa essere utilizzato da tutto il territorio, così da rilanciare la nostra terra e non distruggerla”.


La totale incapacità di questa amministrazione nella gestione degli impianti è sotto gli occhi di tutti - ha dichiarato De Cesare -  per non parlare di ciò che è accaduto alle società di boxe che è davvero da ‘scherzi a parte’. La concessione per loro scadeva un anno fa: perché il comune qualche mese prima della scadenza non ha avvertito le società così da permettere ai titolari di organizzarsi per il bando e magari di presentare un unico progetto? Per quanto riguarda la scadenza della concessione della piscina avvenuta nel 2013, la FIN, nonostante ci sia una procedura di gara in corso, continua indisturbata a gestire la struttura in maniera del tutto abusiva, in un quadro che resta oscuro in tutte le sue sfaccettature. Io stesso ho fatto ricorso al giudice amministrativo contro il ritardo dell’amministrazione. Solo dopo l’ordinanza del Tar il sindaco ha iniziato, con tre anni di ritardo, la procedura di gara. Inoltre apprendiamo oggi dalla stampa che l’assessore allo sport Amatilli ha annunciato che martedì ci sarà l’apertura delle buste della gara per la concessione, noi però non siamo stati ancora invitati, ed è strano visto che sono due ad oggi i progetti con i requisiti richiesti: il nostro (pinguino-metro-pineta) e quello del Centro Italia Nuoto che gestisce l’impianto a Celano”.

 

Ci troviamo di fronte ad una totale noncuranza delle strutture, per citarne alcune lo Stadio dei Marsi e quello dei Pini - ha affermato Lucarelli - qui non si tratta di una questione politica, ma di fare il bene della comunità agendo con trasparenza. Dopo il bando pubblicato dal comune il 13 agosto con scadenza il 31 (data alquanto assurda, a ridosso di ferragosto), noi ci siamo messi all'opera per presentare il progetto. Poi è arrivata la proroga al 9 settembre, e da 14 che eravamo siamo ma rimasti in due soggetti ad avere i requisiti richiesti, noi e la società che gestisce la piscina di Celano. Dopo il sopralluogo effettuato per prendere visione della piscina, abbiamo constatato la mancanza totale di manutenzione in cui versa, per cui chi vi entrerà dovrà spendere molti soldi per rimetterla in sesto! Staremo a vedere con l’apertura delle buste. Infine - sottolinea il titolare della Metrò - se il comune non regolarizza la gestione degli impianti sportivi, anche i privati verranno svantaggiati ed il territorio finirà per divenire l'ultima ruota del carro". 

 

Idia Pelliccia 


Ti potrebbe interessare anche Sport
Avezzano | Pinguino | Metrò | Pineta | piscina comunale | bando | concessione | comune