Giovedì 23 Maggio 2019

Attualità 12:00

Il "Piccolo Grande Marso" Franco Bianchi negli Usa, la solidarietà fa volare

fraanco.jpg

AVEZZANO. Prosegue la raccolta fondi per Franco Bianchi, il bimbo di Villavallelonga affetto da tetraparesi, volato insieme ai suoi genitori negli Usa per sottoporsi ad un delicato intervento che, con annessa fisioterapia, gli permetterà finalmente di camminare.

 

La macchina della solidarietà nei confronti della famiglia Bianchi è partita subito, con manifestazioni culturali e sportive. In prima linea per la raccolta fondi, insieme alle comunità di Villavallelonga e Collelongo, il Comitato per la Comunicazione Culturale Città di Avezzano che ha dedicato al piccolo Bianchi il Galà della Lirica intitolandolo, per l’occasione, “Franco: un piccolo grande marso”.

 

«Quest’anno abbiamo avuto una doppia soddisfazione» dichiara Maria Paola Giorgi, coordinatrice dell’evento. «Il Galà della Lirica infatti» spiega ad Avezzano Informa «ha raggiunto due obiettivi importanti. Sta diventando sempre più un appuntamento al quale gli avezzanesi non vogliono rinunciare e quest’anno, poi, la tradizionale beneficenza ha avuto un valore aggiunto con il progetto realizzato per Franco. Il successo di pubblico ci ha permesso infatti di aiutare la famiglia Bianchi che, per affrontare il problema del proprio piccolo, ha dovuto sostenere molte sfide, anche economiche».

I tanti spettatori presenti al Teatro dei Marsi hanno potuto apprezzare la bravura e la professionalità degli artisti che si sono alternati sul palco: l’Orchestra di Flauti “Toscanini”, diretta dal Maestro Paolo Totti, il soprano Natalia Tiburzi, il tenore Nando Citarella e l’attore Domenico Tiburzi.

 

Testimonial d’eccezione per la campagna di beneficenza l’attore marsicano Lino Guanciale che, in un cliccatissimo video, ha prestato la sua voce nota agli spettatori del piccolo e grande schermo leggendo un testo, scritto dalla stessa Giorgi, che racconta la storia del “piccolo guerriero”. Un giovanissimo combattente che, grazie alla solidarietà dei suoi conterranei, è ora negli Stati Uniti pronto a vincere una nuova battaglia.

 

Maria Caterina De Blasis