Domenica 21 Aprile 2019

Cronaca 15:47

Pregiudicato romeno e due italiani catturati sulla a/24 dalla Polstrada di Carsoli

Polstrada 1 (1).jpg

 

AVEZZANO – Tre pregiudicati, un romeno e due uomini di Roma, sono stato catturati ieri pomeriggio dalla Polstrada di Carsoli nell’area di servizio Civita, sull’autostrada A/24, nel territorio della Piana del Cavaliere.

 

Una pattuglia del Comando della Polstrada di Carsoli, diretta dall’Ispettore capo Paolo Prosperi, durante un piccola pausa dal servizio proprio nell’area di servizio, ha visto avvicinarsi ed entrare nel bar della struttura tre persone. I tre hanno subito insospettito, per modi e atteggiamento, gli agenti marsicani che, senza indugiare, hanno subito proceduto alla loro identificazione.

 

Dal controllo dei documenti è emerso che il cittadino romeno era colpito da un ordine di carcerazione su tutto il territorio nazionale perché colpito da diverse condanne definitive per una serie impressionante di reati. I suoi due compagni di viaggio, invece, sono risultati essere due uomini di Roma, al momento sottoposti all’obbligo di firma preso un comando dei carabinieri del territorio romano, e colpiti da diversi precedenti e pregiudizi.

 

Il cittadino romeno, quindi è stato arrestato e portato nel carcere di Avezzano per scontare la pena detentiva cui è sottoposto mentre i due romani, una volta sottoposti a fermo, sono stati affidati ai Carabinieri di Roma e un dettagliato rapporto è stato inviato alla Procura competente al fine di procedere con l’aggravio della misura cautelare cui erano sottoposto. Sui tre, inoltre, la Procura di Avezzano procederà ad indagare sui motivi che li avevano portati nella Marsica, se si trattasse solo di un transito diretti altrove o se avessero, al contrario, l’idea di commettere reati in questa zona. Intenzioni, però, che sono state prontamente frustrate, qualunque esse fossero state, dall’azione tempestiva e intelligente degli uomini della Polstrada di Carsoli attualmente impegnati sia sulla viabilità autostradale e strade, resa difficile dal freddo e dalla neve di questi giorni, sia nelle operazioni di soccorso alle popolazione colpite dal terremoto di Amatrice.

 

Pierluigi Palladini