Nuovo ambiente - Sab edilizia
Nuovo ambiente - Venditti - Legna da ardere
Martedì 24 Ottobre 2017

Sport 18:39

300 bambini allo stadio di Collelongo per la Gazzetta Cup. Mister Tuzi: «Educhiamo i più piccoli al calcio e allo stare insieme»

Attilio Tuzi.jpg

 

«Un trampolino di vita per i ragazzi», domenica allo stadio comunale di Collelongo c’è la Gazzetta Cup e mister Attilio Tuzi è pronto.

 

La manifestazione è organizzata dalla US Capistrello in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano, per intenderci la FIGC della Chiesa, e il Comune di Collelongo. Sul sintetico del paese marsicano andrà in scena la fase provinciale del prestigioso torneo riservato ai giovani calciatori di età compresa tra i 9 e i 12 anni. Diverse e importanti le società che saranno a Collelongo: Nerostellati Pratola Peligna, Olimpia Cedas Sulmona, Avezzano Calcio, US Capistrello, Amiternina Scoppito, L’Aquila Calcio, Scacco Matto Tagliacozzo, Orsetti Marsicani, Celano Calcio, ASD Vallelonga, Luco Calcio e Tagliacozzo per un totale di 300 bambini.

 

In tutta Italia sono 40.000 i bambini che si sfideranno nelle fasi provinciali, quindi le regionali e le fasi nazionali che si chiuderanno il 4 giugno nella finalissima dello Stadio Olimpico di Roma.

 

Insieme a Filippo Lancia, Attilio Tuzi è il tecnico del settore giovanile della US Capistrello del presidente Francesco D’Amore. In più, da qualche anno è il “maestro” della scuola calcio dell’ASD Vallelonga. A 42 anni e con 20 di esperienza sulla breccia nell’insegnare calcio ai più piccoli, Tuzi assegna al lavoro suo e di Lancia una valenza precisa: «Bisogna educare i ragazzi allo sport facendogli capire quelli che sono i valori di vita importanti. Per l’evento Gazzetta Cup, in una struttura sportiva invidiabile in tutto l’Abruzzo, sarà con noi anche il parroco di Collelongo, Don Carmine Di Bernardo, per darci la benedizione nella Domenica delle Palme. Lo spirito è quello dello stare insieme e devo dire che anche sotto questo profilo la scuola calcio della Vallelonga mi dà tante soddisfazioni. Mettere insieme i ragazzi di Collelongo, Villavallelonga e Trasacco va nel senso di unire nello sport le comunità, ognuno con le proprie radici ma senza alcun campanilismo che non porta cultura».

 

E per Attilio Tuzi l’obiettivo del prossimo anno, neanche a dirlo, è riuscire a portare a Collelongo la fase regionale della Gazzetta Cup.

 

Da ultimo, Tuzi ci tiene molto a ringraziare il presidente D’Amore, il Comune di Collelongo, Franco Ranalli che è la vera anima del centro sportivo collelonghese, il delegato del Comune allo sport, Armando Sucapane e l’onnipresente sia a livello morale sia per l’aiuto materiale Alessandro Grande.

 

Direttore