Intervento artigiani
Sab edilizia
Giovedì 27 Aprile 2017

Politica 06:00

Nessun dibattito pubblico in Piazza Risorgimento: il Comune nega a Casciere l’utilizzo della piazza

piazza risorgimento 1.jpg

AVEZZANO. «Sono venuto a conoscenza che l’amministrazione comunale, tramite il dirigente Tiziano Zitella, ha negato alla mia associazione l’utilizzo del palco in Piazza Risorgimento per lo svolgimento, il 29 aprile, del dibattito pubblico tra i candidati sindaci». Questo lo sfogo di Leonardo Casciere, promotore di un confronto pubblico tra tutti i candidati alla carica di primo cittadino alle prossime elezioni comunali di Avezzano.

 

«Secondo il dirigente» continua Casciere «il diniego è dovuto al fatto che la campagna elettorale non è ancora iniziata. Mi pongo una domanda; perché il sindaco attuale ha avuto la possibilità di presentare la sua candidatura presso il Castello Orsini e la presentazione di una delle sue liste presso aule comunali, mentre gli altri candidati hanno fatto ciò in sale private? D’altra parte il sindaco aveva aderito alla mia iniziativa, finalizzata a far conoscere ai cittadini le idee e i programmi dei vari candidati e null’altro».

 

«Agendo in tal modo» spiega l’avvocato candidato sindaco «i cittadini potrebbero avere la sensazione che qualcuno, a questo punto, voglia sottrarsi al confronto. Sarebbe opportuno che il sindaco, nell’ambito dei suoi poteri, correggesse la decisione, adeguandosi al principio di democrazia partecipativa».

 

«Comunque» conclude Casciere «se qualcuno pensa che demorderò da questi propositi, sta commettendo un grave errore di valutazione. La mia associazione richiederà nuova autorizzazione per il 13 maggio, sperando che non vi sia altro diniego».

 

Redazione Avezzano Informa