Venerdì 22 Marzo 2019

Cultura 15:45

“La mia terra - Istinto e Ragione”, le suggestive opere di Carmine Di Pietro in mostra ad Avezzano

Di Pietro.jpg

Sarà l’Aia dei Musei di Avezzano la cornice della mostra di pittura “La mia terra - Istinto e Ragione” dell’artista avezzanese Carmine Di Pietro. L'esposizione, che durerà venti giorni dal 7 al 27 maggio, rappresenta il racconto del rapporto ambivalente “amore e odio” che l’artista ha con la sua terra madre, rapporto che esprime tramite le sue opere, nelle quali sono evidenziate le linee di contrasto di un luogo aspro e pieno di difficoltà, che spinge chi lo abita ad avere, appunto, un “istinto” di andare via, di scappare, e una “ragione” che invece lo lega indissolubilmente alle proprie radici.


Una terra, la Marsica, che è stata segnata da stravolgimenti epocali, che ha visto il passaggio dell’industrializzazione, conoscendo il boom economico e lo sviluppo che tanto benessere ha portato alle popolazioni marsicane ma che oggi vive una crisi vorticosa, di carattere economico, sociale, culturale. A chi gli chiede quale pensa sia la soluzione per uscire dal pantano attuale l’artista risponde sempre che la soluzione è sotto gli occhi di tutti, ed è rappresentata proprio da quella terra che ci ha forgiato, il Fucino, che però va vista con occhi nuovi; Fucino deve diventare il luogo di sviluppo di un nuovo modo di fare economia che, puntando sul settore primario di qualità, sul biologico, sull’agriturismo, sul turismo sostenibile, possa creare una reale possibilità di benessere per le generazioni future.


Per far questo però occorre voltare pagina, sviluppare una reale meritocrazia, creare idee innovative e un modo nuovo di pensare e vedere le cose. Con “impulso e Ragione” l’artista racconta tutto questo, la depressione latente che pervade gli animi, i colori grigi che connotano la nostra terra, provocati dai lunghi e freddi inverni, ma anche il bagliore di luce che si intravede in ogni sua opera, che rappresenta la speranza che ognuno deve coltivare. I quadri, che raccontano dunque la fatica, l’attesa, i solchi di Fucino, la laboriosità dell’uomo, le radici che irreversibilmente ci legano alla terra madre e alle tradizioni secolari, saranno disponibili a tutti all’Aia dei Musei di Avezzano, dal 7 al 27 maggio.

 

Redazione AvezzanoInforma


Ti potrebbero interessare anche Annunci | Cultura | Eventi & spettacoli | Notizie