Mercoledì 08 Febbraio 2023

Attualità 06:00

Sulle tracce della storia e della natura: termina la IV edizione del Cammino dell’accoglienza

Cammino 0.jpg

Altruismo, memoria, storia, natura, territorio, sono stati questi gli ingredienti della IV edizione del Cammino dell’accoglienza, la tre giorni di marcia che ha coinvolto centinaia di studenti della Marsica e decine di escursionisti e appassionati di trekking.

 

Il Cammino è stato promosso e organizzato dall’omonima associazione, in collaborazione con Terrextra - Dmc Marsica e con tutte le realtà che, quattro anni fa, hanno dato vita all’evento, Anpi Marsica, Associazione Culturale “Il Liri”, Cai Avezzano e Cai Valle Roveto, ed è stato inserito nel calendario dell’Abruzzo Openday summer 2017.

 

La marcia ha rappresentato, ancora una volta, uno speciale momento di aggregazione che ha visto come protagonisti la brillante natura rovetana e la storia degli eroi della Resistenza locale che, in nome di ideali di libertà e giustizia, hanno osteggiato l’occupazione nazifascista e hanno accolto e protetto centinaia di prigionieri fuggitivi e diverse famiglie di ebrei.

È proprio alle medaglie d’oro della Valle Roveto che, nelle tappe intermedie dei tre giorni di Cammino, sono stati dedicati degli intensi momenti commemorativi: Giuseppe Testa a Morrea, Mario e Bruno Durante a Meta, i 33 martiri a Capistrello. Tante storie che non sono finite sulle pagine dei manuali scolastici, ma che hanno comunque fatto la storia, non solo di questa terra.

Nei “luoghi simbolo” del Cammino, dove ancora non era presente, gli organizzatori dell’evento hanno inaugurato la statua scelta come logo ufficiale della manifestazione: la madre terra accogliente realizzata dagli studenti del Liceo Artistico “Bellisario” di Avezzano.

 

La manifestazione è partita da Balsorano il 2 giugno ed è terminata il 4 nell’area archeologica dei Cunicoli di Claudio, il tesoro del Fucino che testimonia l’opera del I secolo d.C. con la quale l’imperatore Claudio tentò di regimentare il livello del lago, prosciugato poi definitivamente nell’Ottocento dal principe Alessandro Torlonia. Ad accogliere e rifocillare gli escursionisti, accompagnati durante i tre giorni di cammino dalle guide Cai e dalla Croce Verde di Civitella Roveto, le amministrazioni e le associazioni dei paesi attraversati.

 

Maria Caterina De Blasis

Foto: Severino Alessandro e Bianca Mollicone


Ti potrebbero interessare anche Sport | Cultura | Eventi & spettacoli | Notizie
cammino dell'accoglienza