Nuovo ambiente - Sab edilizia
Nuovo ambiente - Venditti - Legna da ardere
Martedì 17 Ottobre 2017

Attualità 16:32

Villavallelonga, Ricci: il materiale scaricato è compost di qualità. Basta false accuse

foto 5 Villavallelonga.JPG

“Ci siamo informati su quanto stesse accadendo immediatamente, il giorno dello scarico. Tempestivamente l'Aciam ci ha dato tutte le notizie che abbiamo richiesto e le ha fornite anche al PNALM ed alla Forestale. Forse prima di accusare, offendere e parlare di mazzette, dovremmo contare fino a 10”.


Così il consigliere Loreta Ricci del comune di Villavallelonga, diretto dal sindaco Leonardo Lippa, prende ufficialmente posizione a chiarimento della vicenda del materiale conferito presso i terreni agricoli di Villavallelonga, sulla quale il WWF Montano e diversi abitanti della zona avevano palesato il timore di un traffico atipico e di un interramento di materiale inquinante o potenzialmente tale. Lo stesso WWF, allertato dai cittadini del posto, aveva segnalato alla stampa anomale e non meglio identificate attività di sversamento di sostanze nel terreno in questione, ed inoltrato al riguardo una segnalazione di emergenza ambientale al Sindaco, all’ARTA, ai Carabinieri Forestale ed alla Procura della Repubblica di Avezzano affinché fossero eseguiti sopralluoghi ed indagini.


Sulla questione il consigliere Ricci, a nome dell’amministrazione comunale, chiarisce quanto segue: “La vicenda risale a più di due settimane fa, quando un privato cittadino di Villavallelonga ha acquistato del compost presso il sito di stoccaggio di Aielli. Gli scarichi sono avvenuti di giorno, il compost non è stato assolutamente interrato ma scaricato su terreni privati. Durante la fase di scarico il sindaco Lippa ha provveduto ad inviare sul posto i vigili urbani per verificare di cosa si trattasse e grazie anche alla disponibilità e alla precisione delle informazioni fornite dall'Aciam, la vicenda è subito stata chiarita”.


Il riferimento del consigliere riguarda il documento (nella foto allegata) in cui l’Aciam informava il primo cittadino ed il PNALM che <<il materiale conferito presso i terreni agricoli in località Collepelato nel comune di Villavallelonga, nei giorni dal 15 al 22 maggio, consiste in compost di qualità certificato dal Consorzio Italiano Compostatori, ed è un fertilizzante prodotto presso il nostro impianto di compostaggio di Aielli [...] Quanto sopra ai fini della consueta pratica agronomica di apporto di sostanza organica ai suoli agrari ai fini della loro fertilizzazione>>. 


“Purtroppo – prosegue Ricci - qualcuno ha pensato bene di fare segnalazioni e accuse false, tirando addirittura in ballo il WWF, dal quale ci saremmo aspettati maggiore serietà nel gestire la cosa vista l'importanza dell'associazione. Siamo molto dispiaciuti per l'accaduto, ancora una volta noi Amministratori, ma ogni singolo cittadino di Villavallelonga, siamo stati accusati di cose gravissime. C'è qualcuno che a quanto pare si diverte ad infangare questo paese e chi lo vive 365 giorni all'anno. Ora, avendo chiarito la vicenda, ci auguriamo che chi ha scatenato questo putiferio ammetta pubblicamente di aver sbagliato, perché siamo stanchi di esser descritti sempre come devastatori di uno dei territori più belli del Parco”. 

 

I.P.



Ti potrebbero interessare anche Annunci | Cronaca | Politica | Notizie