Nuovo ambiente - Sab edilizia
Nuovo ambiente - Venditti - Legna da ardere
Lunedì 25 Settembre 2017

Attualità 09:51

Aricia eumedon: avvistata una nuova specie di farfalla sul Monte Tranquillo di Pescasseroli

PNALMnov42650-img1.jpg

Pescasseroli - Nei giorni scorsi la fotografa Angelina Iannarelli ha fotografato e segnalato l'avvistamento di una farfalla rara e molto localizzata, mai rinvenuta nel territorio del PNALM. L'avvistamento è avvenuto sul Monte Tranquillo di Pescasseroli, a circa 1700 m di altitudine.


Si tratta di Aricia eumedon (Esper, 1780), già ricompresa nel Genere Eumedonia (Forster, 1938), della Famiglia Lycaenidae, la cui distribuzione va dalla Spagna a Capo Nord e, attraverso l'Europa e gli Urali, arriva fino alla costa pacifica dell'Asia. È una specie generalmente localizzata e scarsa, con una sola generazione annua in maggio-giugno in dipendenza delle altitudini medio-alte che abita.


In Abruzzo la presenza era finora segnalata sul Gran Sasso, dove è abbastanza diffusa, sul Sirente e sui Piani della Renga (Simbruini). Le uniche località del Lazio, nelle quali è stata fino ad ora accertata la presenza, sono il Terminillo ed il versante settentrionale dei Monti Aurunci (Fraile, Polleca): in queste ultime località, peraltro, la specie non è più stata segnalata dopo il 1914.


Il bruco si nutre di foglie e semi di Geranium sanguineum, sylvaticum e purpureum. Dapprima vive nei boccioli e poi nei carpelli. Il Verity così ne descrive le abitudini: “È specie molto localizzata alle pendici più esposte al sole; l'uno come l'altro sesso restano vicino al loro luogo di schiusura in aree ristrette, dove abbondano le Geranium; vola poco e si posano quasi sempre su questi fiori stessi…". 


Le farfalle sono state individuate il 16 giugno di quest'anno in una prateria d'altitudine (1700 metri circa) esposta a SSE e ubicata sul lato sud-occidentale del PNALM, a cavallo del confine abruzzese-laziale. Per questo motivo la segnalazione incrementa, d'un sol colpo, quelle relative al PNALM, alla regione Abruzzo ed alla regione Lazio.


"Voglio ringraziare Angelina Iannarelli – dichiara il presidente Antonio Carrara – una sincera amica del Parco, appassionata ed attenta osservatrice della natura, che da brava fotografa è capace di documentare magistralmente tutto quanto incontra nel corso della sue escursioni. Ci regala delle belle foto e una segnalazione che aumenta sicuramente la ricchezza della fauna entomologica del Parco. Con lei, ringrazio il naturalista Gaetano De Persiis per le informazioni puntuali fornite". (I.P.)


Ti potrebbero interessare anche Annunci | Cultura | Regione | Provincia | Eventi & spettacoli | Notizie