Nuovo ambiente - Sab edilizia
Nuovo ambiente - Venditti - Legna da ardere
Giovedì 24 Agosto 2017

Attualità 16:00

Incendi in Abruzzo, la denuncia della Cgil: “Le difficoltà nella gestione dipendono anche dall’eliminazione della Forestale”

incendio.jpg

«Questo è il momento del massimo impegno per la soluzione di un’emergenza incendi che sta devastando larga parte del nostro territorio. Poi verrà il momento della valutazione e non potrà mancare una riflessione: le evidenti difficoltà nella gestione diretta dei numerosi e vasti incendi boschivi hanno tra le cause principali l’eliminazione del Corpo forestale dello Stato». È questa la netta posizione espressa dal coordinamento regionale della Fp Cgil VVF.

 

«Per la categoria, che nel corso di questi anni ha combattuto con forza per evitare la cancellazione del Corpo Forestale» spiega il coordinatore Antonio Salvatori «è visibile infatti, nel corso di queste ore drammatiche, l’inefficienza delle nuove procedure antincendio. E questo è purtroppo il risultato delle pessima riforma con la quale si è scelto di eliminare l’unico corpo con competenza diretta sugli incendi boschivi, dotato di mezzi e personale preparato e profondo conoscitore del territorio rurale. La gran parte delle circa 8 mila unità del corpo, specializzate nel contrasto agli incendi boschivi, è transitata in maniera coatta nell’Arma dei Carabinieri e solo pochissime centinaia, nemmeno 400, sono state assegnate ai Vigili del Fuoco. Questi ultimi hanno così ereditato la complessa competenza del Corpo Forestale sugli incendi boschivi nonostante siano palesemente sotto organico, senza i mezzi adeguati e i presidi capillari di cui era dotata “la Forestale”. Così come va segnalato che numerosi elicotteri dell’ex Corpo forestale dello Stato, con personale addestrato specificatamente per l’antincendio, sono a terra e non volano, e nessuno ha pensato a una soluzione per risolvere questo imbarazzante problema».

 

«La Fp Cgil VVF Abruzzo» conclude il coordinatore Salvatori «ribadisce così “la più netta contrarietà a riforme che non solo non aiutano il Paese, ma addirittura determinano confusione e inefficienza, particolarmente evidenti alla prima prova sul campo: l’avvio della stagione dei grandi incendi. C’è bisogno di un urgente ripensamento sui provvedimenti che hanno cancellato il Corpo Forestale dello Stato. Torneremo con forza su questo tema, ora il massimo impegno è per salvaguardare il territorio e le vite umane, ponendo fine a questa devastante emergenza».

 

Redazione Avezzano Informa