Nuovo ambiente - Sab edilizia
Nuovo ambiente - Venditti - Legna da ardere
Sabato 23 Settembre 2017

Attualità 11:20

Perché la linea Avezzano-Roccasecca non è tra le “ferrovie turistiche”

ferrovia avezzano roccasecca.jpg

Dopo i diversi commenti in merito alla mancata inclusione della ferrovia Avezzano-Sora-Roccasecca tra le “ferrovie turistiche”, in base alla legge, da poco approvata, numero 128, la cosiddetta Legge Iacono, dal nome della deputata siciliana prima firmataria, intervengono sull’argomento Emilio Cancelli e Rosaria Villa, rispettivamente presidente e vicepresidente del Comitato Interregionale Salviamo la Ferrovia Avezzano Roccasecca, che si è fatto promotore della riapertura al servizio ordinario nel 2013 e delle iniziative turistiche degli ultimi anni.

 

«Anzitutto, il Comitato, che per altro ha sostenuto dall’esterno i lavori parlamentari» dichiarano Cancelli e Villa «esprime viva soddisfazione per un provvedimento che finalmente segna una inversione di rotta nello sviluppo di una cultura veramente “ferroviaria” in Italia, a sostegno di quei territori che in epoche non lontane hanno duramente lavorato per la conquista di una stazione ferroviaria, poi tolta in ossequio a principi di risparmio non sempre oculati. Nel dettaglio, va necessariamente rilevato come l’articolo 2, comma 1, della Legge Iacono espressamente prevede che nel novero delle “Ferrovie Turistiche” vadano incluse le linee sospese o dismesse. Ebbene, la ferrovia Avezzano Roccasecca non è né sospesa né dismessa, proprio perché destinata principalmente al traffico dei treni ordinari: in altre parole, non avrebbe avuto allo stato attuale i requisiti, per fortuna, per essere inserita tra le ferrovie da riaprire, limitatamente al traffico turistico, perché già aperta e oggetto di importanti lavori di ammodernamento da parte del gestore della infrastruttura Rfi».

 

«Il mancato marchio di ferrovia turistica» vanno avanti i due «ovviamente non pregiudica minimamente né esclude l’alto valore turistico della ferrovia Avezzano Roccasecca, che il Comitato, spesso a proprio esclusivo carico e rischio, ha avuto modo di dimostrare organizzando negli ultimi tre anni ben quattro treni a vapore e tante altre iniziative, che hanno sfruttato i treni che quotidianamente solcano i binari a ridosso del fiume Liri. Nulla osta a che, in futuro, la legge Iacono possa essere modificata, estendendo la definizione e i benefici di “ferrovia turistica” a quelle linee che, come la Avezzano Roccasecca, per volumi di traffico possono tranquillamente accogliere la convivenza tra treni speciali turistici e treni ordinari. Nulla osta a che, nell’immediato, chi oggi si duole della mancata inclusione della Avezzano Roccasecca tra le ferrovie turistiche, evidenziando tutto il potenziale che i territori della Valle Roveto e della Valle del Liri sanno offrire, possa sostenere le attività che il Comitato ha in progetto proprio per favorire lo sviluppo turistico del territorio, attraverso la ferrovia».

 

«Per quanto riguarda infine lo stato di manutenzione delle stazioni» concludono Cancelli e Villa «grazie anche all’apporto di associazioni, queste godono, nonostante tutto, di buona salute e presto lo saranno ancora di più, grazie ai lavori promessi da Rfi circa l’installazione di nuovi strumenti informativi per gli utenti. Fuori dal coro Sora, per la quale il Comitato si sta muovendo, di concerto con l’amministrazione comunale, per portare avanti la possibilità di comodato alle associazioni del territorio e ridare lustro alla più importante stazione della linea. Il Comitato rimane sempre a disposizione di tutti coloro che vogliono dare il loro contributo per valorizzare la nostra ferrovia, infrastruttura vitale per l’intero territorio».

 

Redazione Avezzano Informa