Nuovo ambiente - Sab edilizia
Nuovo ambiente - Venditti - Legna da ardere
Venerdì 17 Novembre 2017

Attualità 06:00

Incendi, Confagricoltura chiede l’intervento della Regione: “Gravi danni per gli allevatori”

incendi.jpg

Gli incendi estivi che hanno martoriato l’Abruzzo, polmone verde d’Europa, hanno arrecato danno anche agli allevatori locali. Come sottolinea Concezio Gasbarro, presidente di Confagricoltura Abruzzo, infatti, i vari roghi che hanno devastato i territori Abruzzesi hanno compromesso l’utilizzo dei pascoli fino al termine del periodo di pascolamento 2017 e anche per gli anni successivi.

 

«L’articolo 10 della legge 335 del 2000» spiegano da Confagricoltura «dispone il divieto di pascolo nelle aree boscate percorse da incendio per i successivi dieci anni dall’evento mentre non è chiaro se tale divieto riguardi anche le aree a pascolo percorse dal fuoco, come la piana di Campo Imperatore».

 

«Dopo gli incendi» sottolinea Gasbarro «gli allevatori sono stati costretti a ricondurre in azienda il bestiame con un aumento esponenziale dei costi di produzione dovuto all’alimentazione di almeno tre mesi, da settembre a novembre, con foraggi prodotti o acquistati a carissimo prezzo vista anche la scarsità della produzione dovuta alla lunga siccità, per questo dovrà intervenire il governo con degli aiuti specifici previsti per le calamità naturali».

 

«L’eccezionale calamità» proseguono dalla confederazione degli agricoltori «rischia di far perdere gli aiuti della Pac e del Psr perché gli allevatori non riescono più a garantire il periodo minimo di pascolamento disposto dagli impegni assunti con il Psr e con la domanda unica della Pac».

 

«Abbiamo scritto all’assessore regionale all’agricoltura Dino Pepe» fa sapere ancora Gasbarro «perché si faccia carico di questi problemi che devono essere sottoposti, per alcuni aspetti, anche al Ministero dell’agricoltura. Occorre garantire il pagamento integrale degli aiuti alle aziende agricole, per questo è necessario emanare opportune disposizioni che riconoscano la causa di forza maggiore al fine di evitare che le aziende agricole interessate, oltre ai danni subiti per effetto dell’incendio si vedano decurtati o addirittura revocati gli aiuti». «Inoltre» conclude il presidente di Confagricoltura Abruzzo «occorre chiarire se le aziende che hanno contratti con i comuni di durata quinquennale, vista la causa di forza maggiore, potranno percepire gli aiuti anche se non potranno utilizzare le superfici di pascolo danneggiate dagli incendi».

 

Redazione Avezzano Informa