Nuovo ambiente - Sab edilizia
Nuovo ambiente - Venditti - Legna da ardere
Martedì 12 Dicembre 2017

Attualità 17:40

“Tagliacozzo Unita” attacca sindaco e giunta: “L’atteggiamento di chiusura dell’amministrazione Giovagnorio nei nostri confronti è pregiudiziale e immotivato”

Comune Tagliacozzo.jpg

TAGLIACOZZO. Tra i punti all’ordine del giorno del consiglio comunale che si è svolto a Tagliacozzo anche le tre mozioni, presentate dal gruppo di opposizione “Tagliacozzo Unita”, sui temi della messa in sicurezza del territorio e della prevenzione dei rischi.

In particolare, con le loro proposte, i consiglieri Vincenzo Montelisciani e Romana Rubeo hanno chiesto al consiglio di impegnare il sindaco e la sua giunta a programmare e attivare interventi volti a mettere al riparo la pineta di Tagliacozzo dal rischio incendi, alla rinaturalizzazione dell’alveo e delle sponde del fiume Imele e alla pulizia preventiva della rete fognaria e del sistema di tombini, griglie, chiusini e canali di scolo per evitare il rischio di inondazioni e allagamenti, al monitoraggio delle zone interessate da fenomeni di dissesto idrogeologico per scongiurare il rischio di frane e alluvioni.

 

La terza mozione dell’opposizione, fanno sapere dal gruppo “Tagliacozzo Unita”, riguardava invece l’aumento di 3mila e 500 euro del contributo al gruppo locale di volontari di Protezione e Civile, che, come affacciato alla cittadinanza nei mesi precedenti, sta attraversando un momento di difficoltà economica.

«Abbiamo chiesto alla maggioranza e al sindaco di concentrare l’attenzione su temi importanti e prioritari per il paese e per i cittadini» affermano Montelisciani e Rubeo «quale è certamente quello della prevenzione e della sicurezza del nostro. Purtroppo abbiamo visto ancora una volta le nostre proposte respinte in blocco. L’atteggiamento di chiusura dell’amministrazione Giovagnorio nei nostri confronti è del tutto pregiudiziale e immotivato. Mai nessun opposizione era stata tanto propositiva; e mai nessuna maggioranza tanto chiusa e arroccata nelle segrete stanze. Peccato, perché le proposte erano davvero valide e qualora fossero state approvate si sarebbero potuti mettere in campo una serie di interventi che avrebbero fatto bene a Tagliacozzo e alla popolazione». «Infatti, ogni volta» vanno avanti i due consiglieri «nei giorni successivi alle emergenze, si parla di prevenzione ma poi bastano poche settimane per dimenticare tutto e tornare a prediligere sempre l’apparenza alla sostanza, la ricerca del consenso immediato alla seria programmazione di interventi importanti e necessari. Ad esempio è assurdo che questa amministrazione annunci di voler spendere ben 15 mila euro per le luminarie natalizie e poi respinga senza appello la proposta di sostenere un’associazione preziosa come la Protezione Civile che da oltre 25 anni si mette ogni giorno a disposizione di tutti i tagliacozzani. Questa estate abbiamo visto quanto il nostro territorio sia esposto a rischi e quanto il nostro gruppo di volontari sia fondamentale per garantire la sicurezza del territorio e dei cittadini. Quando la collettività ha avuto bisogno di loro non si sono mai tirati indietro, ma oggi, quando i volontari hanno bisogno di essere sostenuti, l’amministrazione, che quella stessa collettività rappresenta, fa spallucce e si gira da un’altra parte».

 

«Fa riflettere» aggiungono i consiglieri di “Tagliacozzo Unita” «il fatto che si spendano tanti soldi e che si presti sempre grande cura e zelo per le molte passerelle auto celebrative e le varie cerimonie, ma che non si dimostri altrettanta attenzione rispetto alla necessità di aiutare chi, senza chiedere nulla in cambio, dedica la propria vita a aiutare il prossimo e vorrebbe soltanto essere messo nelle condizioni di farlo al meglio».

 

Il gruppo di opposizione ha espresso invece soddisfazione per il voto del consiglio che ha ripristinato l’unica denominazione della frazione di Villa San Sebastiano. «Grazie ai cittadini e alle associazioni di Villa, che in questi ultimi due mesi hanno fatto sentire la loro voce» conclude Montelisciani «il Consiglio Comunale, dopo che tutti i membri d maggioranza e minoranza hanno espresso unanime parere positivo alla nostra proposta, ha votato per il ripristino dell’unica denominazione per la frazione di Villa San Sebastiano. Si sono riconosciuti in questo modo il comune retaggio e il medesimo sentimento di appartenenza che fanno di tutti i cittadini di Villa un’unica realtà sociale e comunitaria».

 

Redazione Avezzano Informa