Nuovo ambiente - Sab edilizia
Nuovo ambiente - Venditti - Legna da ardere
Sabato 21 Ottobre 2017

Politica 13:19

De Angelis tra anatra zoppa e gioco dell’oca: si va avanti col suo programma e la sua maggioranza o si riparte tutti dal via

In attesa della sospensiva sulla sentenza del Tar, il sindaco va avanti escludendo qualsiasi patto col gruppo Di Pangrazio


gioco dell'oca.jpg

 

Per capire come funziona Gabriele De Angelis occorre partire dalla fine della conferenza stampa sull’anatra zoppa dopo la sentenza del Tar. Il sindaco ha invitato tutti i giornalisti all’incontro della prossima settimana nel quale esporrà il progetto di riqualificazione del centro urbano e di Piazza Risorgimento: «Un progetto cui tengo moltissimo col quale diamo inizio a un vero intervento sul centro della città. Voglio amministrare meglio e in maniera più intensa la nostra Avezzano».

 

Il messaggio è chiarissimo e non si presta a nessun fraintendimento, De Angelis non arretra di un centimetro anzi, va avanti alla luce del ricorso presentato al Consiglio di Stato: «Aspettando la sospensiva sulla sentenza del Tar e rimettendoci fiduciosi e rispettosi al giudizio della Corte, continuiamo a lavorare tutti i giorni per il bene della città».

 

Sulla situazione che si è venuta a creare, De Angelis usa un gergo calcistico che in alcune circostanze è molto più comprensibile del linguaggio da politica: «Il tema è sicuramente delicato ma c’è in atto una partita dove alla fine del primo tempo il presidente del Tribunale ha privilegiato la governabilità e alla fine del secondo il Tar ha privilegiato la rappresentanza. Non condivido la sentenza del Tar ma la rispetto, adesso siamo 1 a 1 però queste sentenze non cambiano il sindaco scelto dalla città».

 

Sui supplementari e gli eventuali rigori e cioè sulla eventuale “migrazione amministrativa” di consiglieri dai banchi a sinistra a quelli a destra o viceversa, De Angelis è ancora più netto: «Qui non si accetta nulla, il programma è uno ed è quello scritto dalla coalizione di Gabriele De Angelis. Non sono condizionabile da nessuno, non ci saranno patti con la coalizione contrapposta. La linea guida è questa e non cambierà, chi volesse collaborare col sindaco deve accettare il programma del sindaco».

 

Di dimissioni nemmeno a parlarne: «Siamo in una dinamica che prevede un ultimo grado di giudizio, non posso dimettermi perché farei un danno enorme alla città e ai cittadini che hanno scelto me per avere il cambiamento».

 

In attesa dell’eventuale sospensiva dunque, messaggio diretto per tutti dentro la variabilità di maggioranze e opposizioni, consiglieri speranzosi e forze politiche pronte al riposizionamento: si va avanti col sindaco eletto, con la sua maggioranza, col suo programma di mandato. Altrimenti più che di anatra zoppa bisognerà parlare di gioco dell’oca: tutti a casa e si riparte dal via con nuove elezioni.

 

Direttore


Ti potrebbe interessare anche Notizie
gabriele de angelis