Nuovo ambiente - Sab edilizia
Nuovo ambiente - Venditti - Legna da ardere
Giovedì 23 Novembre 2017

Attualità 16:30

La nuova fontana di Piazza Risorgimento: un orologio nell’acqua fermo alle 7.48 del 13 gennaio 1915

Il progetto di Giancarlo Cardone in cantiere da febbraio. De Angelis: un’opera da 343mila euro per iniziare la riqualificazione del centro città


presentazione progetto fontana.jpg

 

«È un passaggio storico per Avezzano, una città che vuole guardare al futuro senza dimenticare il passato»: eravamo a marzo del 2014 e l’allora assessore alla cultura Gabriele De Angelis presentò così il Concorso di Idee bandito dal Comune per la riqualificazione di Piazza Risorgimento. In seguito i tre super esperti – Giovanni Carbonara, Mario Centofanti e Claudio Finarelli – chiamati a decidere la migliore delle 20 proposte presentate scelsero quella dell’architetto e ingegnere Giancarlo Cardone.

 

Tutto rimase fermo lì fino a stamattina quando, a distanza di tre anni, Gabriele De Angelis ha presentato da sindaco «l’opera deliberata che ha già l’impegno di spesa pari a 343.000 euro con il cantiere che partirà il prossimo febbraio».

 

De Angelis, con al fianco Cardone, non ha nascosto una certa soddisfazione per aver ripreso quel progetto ed essere riuscito a dargli le gambe per camminare: «Tutto poggia su due punti molto importanti, il completamento della fontana e l’inizio della riqualificazione della parte centrale di Avezzano. L’intervento è impattante e delicato soprattutto perché si riflette sulla più grande cattedrale d’Abruzzo e nello scegliere l’idea migliore la commissione presieduta da Carbonara ebbe la giusta sensibilità. La fontana storica non verrà toccata ma implementata con i nuovi interventi che la porteranno verso la modernità, in questo percorso voglio ringraziare pubblicamente per il loro lavoro il vicesindaco Emilio Cipollone e l’assessore Fabrizio Ridolfi. L’impegno di spesa che ci siamo assunti rientra in quel milione e 180mila euro di appalti già deliberati in un mese e mezzo, questa è la strada che abbiamo intrapreso e che vogliamo continuare a perseguire anche se, più in generale nella riqualificazione del centro, ho l’intenzione di stimolare e coinvolgere i privati che hanno proprietà e fabbricati nelle aree oggetto di intervento. Con una leva fiscale e urbanistica conto di portarli dentro per riqualificare l’esistente e andare di pari passo con i nuovi progetti».

 

Evidentemente soddisfatto l’ingegnere e architetto Cardone: «Il progetto ha l’elemento acqua al centro di tutto. La fontana sarà un orologio fermo alle 7.48 del 13 gennaio 1915 così da restituire  identità, memoria e dignità a questo territorio partendo da Piazza Risorgimento».

 

Direttore