Nuovo ambiente - Sab edilizia
Nuovo ambiente - Venditti - Legna da ardere
Martedì 12 Dicembre 2017

Attualità 06:00

Giornata mondiale delle vittime della strada: nella provincia dell’Aquila 830 incidenti registrati lo scorso anno

Tra le cause più frequenti l’uso del cellulare durante la guida e l’alta velocità


giornata mondiale vittime della strada.jpg

Sarà celebrata domenica 19 novembre “Giornata mondiale in memoria delle vittime della strada”, un momento di ricordo e riflessione che viene dedicato, ogni anno, la terza domenica di novembre, alle vittime di incidenti stradali e ai loro familiari, proclamato per la prima volta dall’Organizzazione delle Nazioni Unite nel 2005, per contribuire al cambiamento delle abitudini negative degli automobilisti.

 

La sicurezza stradale è infatti uno dei maggiori problemi che i Paesi europei devono affrontare. Il quarto programma di azione europea sulla sicurezza stradale 2010-2020, quantifica un nuovo obiettivo indicando una riduzione del 50% in 10 anni delle vittime di incidenti stradali.

 

Già da anni in Italia è stato intrapreso un complesso percorso per fronteggiare il fenomeno dell’incidentalità. Per quanto riguarda la nostra provincia, nel 2015 si sono verificati complessivamente 830 incidenti stradali, che hanno visto coinvolte 2783 persone. Del totale degli incidenti verificatisi 581 sono stati quelli con solo danni a cose mentre 249 quelli nei quali si sono registrate persone ferite, di cui 8 con conseguenze mortali. Nel conteggio delle persone coinvolte negli incidenti, si sono registrate 1385 illesi, 387 feriti ed 11 morti.

 

Nel 2016 sempre nella provincia dell’Aquila, la Polizia Stradale ha ricevuto totalmente 731 incidenti stradali, che hanno visto coinvolte 1564 persone. Del totale degli incidenti verificatisi 491 sono stati quelli con solo danni a cose mentre 240 quelli nei quali si sono registrate persone ferite, di cui 8 con conseguenze mortali. Nel conteggio delle persone coinvolte negli incidenti, si sono registrate 1144 illesi, 412 feriti ed 8 morti.

 

Tra i comportamenti errati più frequenti sono da segnalare le distrazioni durante la guida, con particolare riguardo all’uso del telefonino e smartphone, il mancato rispetto delle precedenze e le velocità elevate. Le violazioni al codice della strada più sanzionate risultano, infatti, l’eccesso di velocità, il mancato utilizzo dei dispositivi di sicurezza e l’uso del telefono cellulare alla guida.

 

In queste occasioni, fanno sapere dalla Questura dell’Aquila, la memoria va a tutte le vittime di incidenti, compresi gli appartenenti alle Forze di Polizia che sono sula strada tutti i giorni per compiere il proprio dovere. Da sempre gli operatori della Polizia Stradale indossano una divisa, tessuta da impegno, sacrificio e abnegazione. I valori fondanti del loro operato che consentono loro di vivere con prossimità e grande sensibilità la missione, spesso eroica e dolorosa che sono chiamati a svolgere. Per assicurare tutto questo, pagano da sempre un prezzo altissimo, ad oggi sono 373 gli agenti della Polizia Stradale che hanno perso la loro vita sulla strada.

 

La Polizia Stradale e, in particolar modo la sezione aquilana, è impegnata costantemente nell’attività di prevenzione e repressione degli illeciti stradali, attraverso sistematici controlli, finalizzati alla riduzione dell’incidentalità, nonché all’abuso di alcool e stupefacenti durante la guida. Durante il 2016, la sezione Polizia Stradale dell’Aquila ha elevato 10448 infrazioni al codice della strada di cui 83 per abuso di alcool, 19 per abuso di droga, 814 per le cinture di sicurezza e 436 per l’uso del cellulare alla guida senza auricolare.

 

Redazione Avezzano Informa