Nuovo ambiente - Sab edilizia
Nuovo ambiente - Venditti - Legna da ardere
Martedì 12 Dicembre 2017

Attualità 16:04

“Meglio Tacere!” e aiutare facendosi pure due risate, lo spettacolo di Martorelli per Amatrice si prende il Teatro dei Marsi

I sindaci De Angelis e Pirozzi, “Teatranti tra Tanti” e “Amatrice Siamo Noi” insieme nella raccolta fondi per le persone di Amatrice


Pirozzi De Angelis.jpg

 

AVEZZANO – «Lunedì staremo insieme ad Avezzano per mangiare un piatto di amatriciana…e per secondo qualche patata del Fucino», Gabriele De Angelis saluta così Sergio Pirozzi, il sindaco di Amatrice che via Skype ha partecipato alla presentazione della raccolta fondi per i suoi concittadini attraverso lo spettacolo “Meglio Tacere!” e l’apertura di una sede avezzanese dell’associazione onlus “Amatrice Siamo Noi”.

 

Le anime della onlus costituita immediatamente dopo il terremoto di Amatrice si chiamano Susanna Lombardi e Debora Faenza (Debora rigorosamente senza acca, come ricordato da Pirozzi). Susanna Lombardi è l’emblema di questa sorta di abbraccio tra due le città perché è nata e cresciuta ad Avezzano e ha la famiglia materna di Amatrice.  

 

Nell’aula consiliare del Comune il collegamento Skype trova i due sindaci affiatati e battaglieri. A partire da De Angelis: «Avendo una attività imprenditoriale all’Aquila sono stato colpito dal tragico terremoto del 2009, soltanto chi ci passa può capire cosa significa e quant’è forte l’attaccamento degli uomini al luogo e alla loro storia. Caro Pirozzi ti siamo vicini con queste iniziative, da parte della città di Avezzano ti do un abbraccio forte con cuore, amore e sensibilità da un territorio che ha conosciuto il terremoto».

 

Senza rinunciare al tratto da guascone e alla vis polemica che lo contraddistingue, Pirozzi mostra di essere contento e in sintonia: «Amatrice è diversa ma viva, voi state facendo tanto per noi al pari di tanti uomini e donne d’Italia. Noi siamo vivi grazie alla solidarietà delle persone. Lo spettacolo che andrà in scena ad Avezzano darà fondi con i quali cercheremo di attrezzare delle aree vicino alle casette. Con Avezzano c’è vicinanza di storia e di sofferenza, siamo in un’area del centro Italia sensibile e occorre ripartire da un modello nuovo per le aree interne, con misure fiscali e investimenti in infrastrutture. Oggi il ruolo dei sindaci deve essere rivalutato perché i primi cittadini scelti direttamente dal popolo sono l’unico fronte che ascolta le persone, il sindaco è l’espressione più alta della democrazia nel nostro Paese».

 

Gli appuntamenti per cementare ufficialmente questa vicinanza di intenti e di scopi iniziano sabato 2 dicembre quando al Teatro dei Marsi andrà in scena lo spettacolo “Meglio Tacere!”, una commedia scritta e diretta da Alessandro Martorelli che sarà anche sul palco come attore insieme a Luca Avallone, già presente nel precedente spettacolo Effetti Collaterali, Antonio Pellegrini, cofondatore assieme a Martorelli della compagnia artistica AssiomA, Gianluca Zanellato e le attrici professioniste Chiara Della Rossa e Chiara David.

 

Quindi lunedì 4 dicembre con l’inaugurazione della sede avezzanese di “Amatrice Siamo Noi” in via Rosselli insieme a De Angelis e Pirozzi, uno spazio tutto marsicano nel quale sarà possibile acquistare prodotti tipici di Amatrice e conoscere tutte le attività promozionali a beneficio dell’economia della città reatina.

 

Immerso con piacere fino al collo dentro il solco della solidarietà anche Alessandro Martorelli: «”Meglio Tacere!” è una commedia divertente, sul palco ci saranno attori che interpretano degli attori che in fin dei conti mettono in mostra la vita personale ai danni di un regista che pensa solo ad andare avanti imperterrito con l’opera. Così abbiamo sposato la causa pro Amatrice, attraverso uno spettacolo per la solidarietà, utilizzando quello che sappiamo fare e mettendolo a disposizione delle persone».

 

Non solo una dichiarazione d’intenti all’insegna della solidarietà dunque: tra teatro e mercato solidale Avezzano cerca di restituire ad Amatrice qualcosa di concreto da parte di chi si trovò a ricevere tanta concretezza un centinaio di anni fa.

 

Direttore