Sabato 22 Settembre 2018

Attualità 19:02

I Punkreas e il videoclip girato a Forme

thYEH1VGSH.jpg

La Marsica, che location. Dev’essere quest’aria frizzante, queste montagne, questa natura a tratti incurata, con cui conviviamo e con cui dividiamo il freddo. Terra di agricoltura e pastorizia, tra le altre cose. Devono essere stati questi i motivi che hanno spinto i Punkreas a girare il vidoclip della loro ultima canzone a Forme.

 

“La globalizzazione ci sta uccidendo, fra qualche anno i pastori non si troveranno più neanche nel presepe": è una frase di “Fermati e respira”, canzone inedita che è possibile ascoltare su youtube. Una canzone nata per ricordarci che si può fare diversamente e che c’è un’alternativa.

 

La regia del videoclip è di Paolo Santamaria per Muse-x e tutto si ambienta nella nostra Marsica, a Forme, alle pendici di Monte Velino. Una terra magica, già storico set naturale di grandi film come ‘Il deserto dei tartari’ di Valerio Zurlini e ‘La Bibbia’ di John Huston.

 

Rinaldo ha 70 anni e da 60 trascorre le sue giornate in compagnia del suo gregge. Una vita scandita dalle esigenze dei suoi animali. Nonostante i molti km macinati di giorno in giorno nel suo sguardo non si avverte fatica, i suoi occhi trasmettono pace. Quella pace che solo la natura nella sua inarrivabile bellezza sa donare. Oggi Rinaldo è uno dei pochi a proseguire questo mestiere alla maniera di un tempo, lui stesso afferma che "la globalizzazione ci sta uccidendo, fra qualche anno i pastori non si troveranno più neanche nel presepe". Nonostante tutto continua imperterrito la sua avventura con dignitosa semplicità. Ad attenderlo a casa ogni sera c'è la sua famiglia, il focolare domestico ed un bicchiere di vino. In un mondo che corre sempre più veloce uomini come Rinaldo potrebbero insegnare molto, a partire dal concetto di attesa, di rispetto del tempo su questo pianeta, mai scontato, mai banale.

 

Redazione AvezzanoInforma