Venerdì 20 Aprile 2018

Cultura 12:53

Le "cose nascoste" negli archivi parrocchiali.. Manifesta Sunt

thXAEBDR2Z.jpg

“Manifesta sunt: "Cose nascoste" negli Archivi Parrocchiali” è la mostra che verrà inaugurata nell'Atrio della Curia Vescovile di Avezzano, Corso della Libertà, 54, venerdì 20 aprile, ore 10 con la partecipazione del vescovo Santoro.

 

Fino al 1° maggio 2018, l’Archivio Storico Diocesano dei Marsi quindi esporrà, grazie al contributo della Fondazione Carispaq della Provincia dell’Aquila, documenti e volumi di pregio provenienti dagli archivi delle parrocchie della Diocesi dei Marsi. 

 

Sarà possibile visitare la mostra, con ingresso gratuito, dal lunedì al venerdì ore 15,30- 19,00 e sabato e domenica ore 10,00- 12,30 e 15,30- 19,00. L'esposizione è rivolta anche agli alunni delle scuole di ogni genere e grado solo su prenotazione anche di mattina dal lunedì al sabato.

 

Una collezione ampia e varia, tanto che si è deciso di articolare la mostra in sei gruppi tematici: Catasti, Confraternite, Documenti musicali, Pergamene, Registri parrocchiali e Curiosità. Una mostra per tante parrocchie: verranno esposte opere provenienti dalle parrocchie dei paesi di Aielli, Cappelle, Celano, Cerchio, Collarmele, Collelongo, Magliano de’ Marsi, Poggio Cinolfo, Trasacco e Villa San Sebastiano.

 

Messali, breviari, orazioni, libri cassa, materiale relativo alle più antiche confraternite che è scampato miracolosamente al terremoto del 13 gennaio 1915: la collezione conta una considerevole quantità di documentazione di pregio, non solo liturgico, ma anche storico- artistico.

 

Manifesta sunt: "cose nascoste" negli archivi parrocchiali, è stata curata dagli archivisti Eleonora Di Cristofano e Antonio Maria Socciarelli, storici collaboratori dell’Archivio Storico Diocesano dei Marsi, e vuole valorizzare e far conoscere questi tesori in parte nascosti nelle sagrestie e nelle case parrocchiali e da poco tempo in conservazione presso i locali dell’Archivio Storico Diocesano dei Marsi.

 

Redazione AvezzanoInforma