Lunedì 28 Maggio 2018

Attualità 14:36

Cocullo, la tradizione che incanta anche i serpenti

Festa-San-Domenico-Serpari-Cocullo-2018.jpg

Era l'età classica della letteratura latina, durante il glorioso principato di Augusto, quando Virgilio tratteggiò nell'Eneide la figura di Umbrone, giovane serparo dei Marsi, l'antica popolazione dell'Abruzzo: alleato di Turno nella guerra contro Enea, sarà ucciso dal capo troiano in persona.

 

Un giovane serparo come coloro che domani animeranno la festa dei Serpari a Cocullo. Due i programmi per l'edizione 2018, uno religioso e uno civile.

 

La festa si svolge in onore di san Domenico abate che risulta essere particolarmente venerato a Cocullo, dove vengono conservate due reliquie del santo: un molare ed un ferro della sua mula.

Folklore e religione si fondono in una giornata unica, che registra migliaia di presenze ogni anno per questo evento unico, suggestivo ed affascinante.

 

Dopo la Santa Messa solenne delle 11, parte la caratteristica processione. Lungo le vie di Cocullo viene portata la statua di San Domenico con decine di serpenti aggrovigliati, raccolti nelle campagne vicine dai serpari, che dai tempi di Umbrone animano la tradizione. Di seguito il programma della giornata odierna e di domani:

 

30 aprile
-ore 18,00 Primi Vespri Solenni
-ore 18,30 Deposizione della corona ai Caduti
-ore 21,30 ‘Nduccio – Suona Tour 2018

 

1 maggio
Programma religioso

-ore 8,00 Santa Messa
-ore 9,30 Santa Messa per i pellegrini
-ore 11,00 Santa Messa solenne
-ore 12,00 Processione con la partecipazione dei serpari
-ore 18,00 Santa Messa e bacio della Reliquia

 

Programma civile
-ore 9,00 Accoglienza delle Compagnie dei Pellegrini
-ore 10,30 Corteo in costume per l’offerta dei ciambellati
-ore 14,30 Intrattenimento in piazza
-ore 16,30 Riconoscimento dei serpari
-ore 21,30 Concerto bandistico lirico-sinfonico della premiata banda Regione Lazio, diretta dal M° Carlo Morelli

 

Ludovica Salera


Ti potrebbero interessare anche Cultura | Eventi & spettacoli
serpari | cocullo | san domenico | umbrone | tradizione | nduccio | folklore