Giovedì 20 Settembre 2018

Cronaca 13:06

Falsificavano certificati medici. In arresto medici, politici ed imprenditori marsicani

certificati falsi.jpg

AVEZZANO. Si è conclusa questa mattina all'alba l'indagine portata avanti dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale dell'Aquila con l'arresto di diverse persone coinvolte in una maxi truffa ai danni dello Stato.

L'accusa è quella di aver prodotto certificati medici falsi. Dieci le ordinanze di arresto eseguite questa mattina dalle Fiamme Gialle nei confronti di medici, imprenditori e politici locali.


L'indagine è andata avanti per diversi mesi anche con l'ausilio di alcune videocamere e cimici installate negli studi medici in cui sono stati riprese scene di passaggio di denaro dietro produzione di certificati medici falsi.

Le accuse vanno dalla corruzione al falso, dalla frode in ambito processuale al favoreggiamento, dalla truffa ai danni dello Stato alla frode assicurativa.


Tra le persone tratte in arresto anche un medico di Avezzano, A.G., attualmente ricoverato in una clinica di Tivoli per un malore e che nelle prossime ore verrà trasferito in un ospedale di Pescara.

In base a quanto emerso dalle indagini della Guardia di Finanza, nel Centro di Igiene Mentale di Avezzano venivano rilasciati certificati falsi dietro pagamento che venivano utilizzati per richieste di risarcimento nei confronti di compagnie assicurative in seguito ad incidenti stradali, per presentare domande di invalidità, per richieste di congedo dal lavoro per malattia o per sottrarsi a misure cautelari o di presenziare ad udienze processuali.


Sono state anche eseguite delle perquisizioni nell'ambito dell'operazione battezzata "Tutti per uno" che hanno portato tra l'altro alla scoperta di un locale adibito a studio medico all'interno del CIM, in cui il medico tratto in arresto svolgeva attività da libero professionista, attività espressamente vietata in quanto il professionista operava in regime di intra-moenia.


In arresto anche ex politici marsicani e dirigenti del CIM che avrebbero collaborato a vario titolo nella maxi truffa portata alla luce dalle indagini della Guardia di Finanza coordinae dalla Procura di Avezzano.



FDF


Ti potrebbero interessare anche Regione | Provincia | Notizie