Mercoledì 01 Dicembre 2021

Politica 13:15

Insulti al Papa sul web dall'assessore De Cesare, il centrodestra: "Parole irripetibili e blasfeme, si dimetta oppure il sindaco lo revochi dall'incarico"

de cesare di pangrazio.jpg

AVEZZANO.  Sdegno e sconcerto tra i cittadini e nel mondo cattolico dopo le parole offensive contro il Papa scritte (e poi rimosse)  sul suo profilo social dall'assessore Lorenzo De Cesare proprio nel giorno di Natale.


"Misero e in malafede uomo piccolo piccolo", queste le parole con cui De Cesare ha apostrofato il Santo Padre dal web, pronta e dura la reazione della Diocesi che con un comunicato stampa ha condannato le aprole dell'assessore definendole "particolarmente gravi perchè pronunciate da una persona che riveste un ruolo istituzionale nel governo della città."

 

Ora interviene nella vicenda anche il centrodestra cittadino e lo fa chiedendo le dimissioni dell’assessore.

 

 

  “Il centrodestra di Avezzano - scrivono in una nota a firma congiunta Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega, Udc e Idea Cambiamo - condannano fortemente le parole ingiuriose espresse nei confronti del Santo Padre e della Chiesa Cattolica, peraltro nel giorno del Santo Natale, dall’assessore comunale Lorenzo De Cesare, che in tale veste rappresenta tutti i cittadini.

 

 

Si tratta di parole irriferibili e blasfeme, che peraltro hanno ottenuto apprezzamento anche da un componente dello staff del sindaco Di Pangrazio. Come forze politiche chiediamo come atto di responsabilità al neo assessore di rassegnare le dimissioni.

 

In caso contrario, chiediamo al sindaco l’immediata revoca dall’incarico in Giunta dell’assessore, senza se e senza ma, e una ferma e inequivoca presa di distanza da parte del primo cittadino e della maggioranza, affinché tali gravissimi episodi non abbiano più a ripetersi” concludono i rappresentanti del centrodestra avezzanese.