Martedì 26 Marzo 2019

Lavoro 06:00

Micron, i sindacati scrivono a Renzi

Nella lettera inviata al Presidente del Consiglio le organizzazioni sindacali chiedono un incontro urgente per il rilancio della microelettronica nella Marsica


Micron.jpg

C’è grande preoccupazione nella Marsica per il destino del settore microelettronico. La “vertenza infinita” Micron continua a tenere banco e suscita apprensione in centinaia di famiglie. I sindacati scrivono al Premier Matteo Renzi e chiedono attenzione del nuovo governo sulla Micron e più in generale sul rilancio di un settore strategico qual è quello della microelettronica.  Il campanello d’allarme, l’ennesimo,  è stato il taglio degli esuberi da parte dell’azienda. Le parti sociali non ci vedono chiaro e chiedono al Governo di convocare un tavolo per il rilancio del settore della microelettronica.

“Le organizzazioni sindacali richiedono un incontro urgente – si legge nella nota firmata da Fiom-Cgil, FimCisl e Uilm Uil  - per affrontare la grave situazione determinatasi alla Micron e in tutto il settore della microelettronica, a seguito della procedura di licenziamento collettivo aperta dalla multinazionale americana per 419 tecnici e ricercatori sui 1.028 dipendenti, che rischia di concludersi il 7 aprile prossimo con l’attivazione dei licenziamenti”. Ed ancora:  “la scelta dell’azienda sembra preludere ad un disimpegno industriale e mette a rischio alte competenze e professionalità consolidate e la presenza stessa del nostro Paese in un settore ad alta tecnologia, strategico per lo sviluppo di tutta l’industria manifatturiera. Il settore della microelettronica è oggi presente con pochi importanti gruppi, tra cui la St Microelectronics, che vede una partecipazione di controllo paritetica del Ministero del tesoro italiano e del Fondo strategico d’investimento francese. Riteniamo necessario un intervento urgente per assicurare la salvaguardia dell’occupazione e impedire la dispersione di competenze e di know how, anche attraverso l’azione diretta di St Microelectronics e delle altre aziende del settore. Occorre indirizzare positivamente le strategie di sviluppo del ramo industriale a più alto valore tecnologico del nostro Paese in linea con i programmi europei per il rilancio dell’industria manifatturiera”. La Marsica rischia l’ulteriore depotenziamento di un settore che, in altri paesi, cresce e prospera grazie al sostegno di efficaci politiche industriali regionali e statali.  Politiche industriali praticamente sconosciute alla Giunta Chiodi ed ai governi Monti e Letta. Si spera ora nel nuovo Governo.


Ti potrebbero interessare anche Politica | Notizie
micron | matteo renzi | Fiom-Cgil | FimCisl | Uilm Uil