Mercoledì 28 Febbraio 2024

Attualità 06:10

Le donne protagoniste della città di Celano

L'INTERVENTO DELL'ASSESSORE TACCONE.jpg

CELANO. Un numeroso pubblico femminile e non solo ha preso parte all’assemblea organizzata per le donne di Celano dall’assessore al lavoro e alla formazione professionale Angela Taccone. All’incontro erano presenti anche il professor Sandro Valletta, docente di diritto delle migrazioni, nonché responsabile dell’associazione “Percorsi Solidali”, la dottoressa Monia Giordani, esperta in mediazione familiare, il sindaco Settimio Santilli, il vicesindaco Filippo Piccone e alcuni assessori del Comune di Celano, nonché l’assessore avezzanese Daniela Stati, a testimonianza della voglia di apertura e cooperazione con le altre realtà limitrofe da parte dell’amministrazione celanese.

 

All’ordine del giorno la discussione sulla creazione di una struttura di qualificazione professionale dedicata esclusivamente alle molteplici esigenze della sfera femminile. La donna rappresenta una gran fetta di popolazione, si è ribadito più volte nel corso della serata, è l’asse portante non solo della famiglia, ma più in generale della nostra società e, di conseguenza, dell’intera economia e pertanto deve essere adeguatamente protetta e tutelata e bisogna investire con sempre maggiore impegno e dedizione sulla sua formazione, per far sì che non sussistano più condizioni di emarginazione.

 

Sotto l’egida dell’associazione “Percorsi Solidali” prosegue poi l’avvio di alcuni corsi proprio mirati all’occupazione delle donne. Partirà a breve, infatti, un corso che andrà ad affiancare quelli già in svolgimento di assistente familiare (badante) e di esperto in diritto della migrazione, volto alla formazione della figura professionale di assistente all’infanzia, ovvero di un operatore socio/educativo impegnato nell’attività di animazione, alimentazione, assistenza e vigilanza dei bambini nella prima e seconda infanzia. Il corso, per un numero massimo di 20 partecipanti, con 150 ore di lezione, avrà durata di 5 mesi. Dopo l’ottenimento dell’attestato di frequenza, attraverso l’ingresso in cooperative sociali convenzionate con le diverse Asl, sarà possibile l’accesso alle strutture assistenziali pubbliche quali centri di accoglienza per minori disagiati, comunità alloggio, case famiglia, centri per l’infanzia, centri per l’affido e l’adozione famigliare, ludoteche, servizi educativi, colonie e centri estivi. Chiunque sia interessato all’iscrizione può rivolgersi allo Sportello InformaGiovani del Comune di Celano il lunedì, il mercoledì e il venerdì, dalle ore 10 alle ore 12 o contattare direttamente il numero di telefono: 3771699832.

 

Presto, inoltre, si procederà anche a rendere note le nomine delle rappresentanze rionali, ovvero all’indicazione, rione per rione, di donne animate da spirito collaborativo e costruttivo che possano rappresentare un punto di riferimento e d’incontro con l’amministrazione comunale. Pertanto, mentre si annuncia che non ci si fermerà qui, perché il cammino è ancora lungo e se “il buongiorno si vede dal mattino, si è all’alba di un grande giorno destinato a perpetuarsi”, si può ben dire che l’associazione donne di Celano ha un ampio respiro territoriale, vuole volgersi alla trasparenza, alla responsabilità e alla concretezza, a testimonianza che le donne non sono sole e che l’unione e l’aiuto reciproco fanno la forza, sempre.

 

Redazione Avezzano Informa