Lunedì 22 Aprile 2019

Lavoro 09:59

Fiom Abruzzo al Ministero del Lavoro: "Quadro preoccupante per lavoratori e aziende"

immagine-lavoro-operai-in-fabbrica.jpg

Il 19 ottobre scorso la segreteria della FIOM-CGIL della Provincia di L'Aquila ed il Segretario Regionale della FIOM Abruzzo, Alfredo Fegatelli, hanno avuto un incontro presso il Ministero del Lavoro per approfondimenti in merito ai nuovi ammortizzatori sociali previsti dal Jobs Act. Dall'incontro è emerso un quadro preoccupante che rischia di peggiorare la condizione materiale dei lavoratori e delle aziende.

 

"La norma - si legge nel comunicato stampa Fiom - prevede la durata massima di 24 mesi della cassa integrazione, e nel caso di utilizzo dei Contratti di Solidarietà, il periodo può arrivare fino a 36 mesi, fermo restando che il loro valore economico è equivalente alla cassa integrazione. Questi strumenti non possono essere utilizzati nelle procedure concorsuali. Sui licenziamenti collettivi siamo in presenza di un cambiamento radicale: a partire dal 1° gennaio 2017 le aziende che intenderanno assumere i lavoratori dalle liste di mobilità non potranno più beneficiare degli sgravi contributivi e delle agevolazioni. Rimane la possibilità per il lavoratore di sospensione della mobilità in caso di assunzione a tempo determinato. Forti dubbi rimangono sulla possibilità per il lavoratore di riscatto della mobilità in caso di apertura della partita IVA".

 

"Dal 1° gennaio - continua la nota - l'unico strumento per i licenziamenti collettivi e individuali sarà la NASPI. Le aziende che assumeranno lavoratori dalla NASPI potranno avere delle agevolazioni in percentuale al valore della NASPI stessa, ma non potranno beneficiare della decontribuzione. In caso di assunzione a tempo determinato il lavoratore non potrà sospendere la NASPI per più di 6 mesi. La contraddizione più evidente è che se un lavoratore under 40 collocato in mobilità entro il 30 dicembre 2016 avrà 12 mesi di sostegno, se lo stesso è licenziato il 1° gennaio 2017 con la NASPI avrà 24 mesi di sostegno. Non essendo chiare le norme applicative dei nuovi strumenti previsti dal Jobs Act, la FIOM è impegnata a formulare dei quesiti al Ministerp per evidenziare la gravità della situazione. Le modifiche introdotte dal Jobs Act avranno un forte impatto verso tutte quelle aziende che con difficoltà stanno utilizzando gli ammortizzatori sociali per fronteggiare la crisi. Inoltre i lavoratori non avranno più la speranza che attraverso la mobilità potranno essere riassunti a fronte dei benefici contributivi per le aziende". 

 

"È evidente - conclude la segreteria della Fiom - che il Jobs Act, proposto in un contesto economico ancora debole, non solo prevede una modifica restrittiva degli ammortizzatori sociali ma soprattutto è carente e in ritardo rispetto alle politiche attive del lavoro. Prima di avviare una riforma degli ammortizzatori sociali, il Governo avrebbe dovuto creare gli strumenti idonei al recupero dei lavoratori allontanati dal posto di lavoro. Questo ritardo rischia di costruire un bacino enorme di persone che potranno contare solo su brevi periodi di sostegno al reddito con la conseguenza di aumentare consistentemente il numero dei disoccupati e dei poveri".

 

Redazione Avezzano Informa 


Ti potrebbe interessare anche Regione
FIOM | Abruzzo | Ministero del Lavoro | Jobs Act | crisi | lavoratori | aziende | comunicato